Archivio mensile marzo 2016

Dirsgrafik

Gigantografia Forli | Stampa diretta su PVC “AMORE MIO” 120X70cm

Gigantografia Forli

Gigantografia Forli | Stampa diretta su PVC “AMORE MIO” 120X70cm

Gigantografia Forli

Poster / banner, tovaglia o quello che volete in stampa diretta su PVC. Materiale necessario: una vostra foto in alta risoluzione, se non c’è l’avete ve la facciamo noi.


CONTATTACI 

grafica forli


Poster

 Poster (dall’inglese to post, collocare, piazzare, appostare) letteralmente vuol dire affisso, avviso, cartello, cartellone o manifesto; in lingua italiana assume differenti significati, gigantografia forli

Accezione comune

 Un poster pubblicitario di Johann Georg van Caspeldel 1899.

Un poster è un foglio di carta plastificata di grande formato (di solito almeno A3) da appendersi ad una parete. Perlopiù si vuole appendere poster all’interno di una casa (a differenza dei manifesti, che vengono affissi per strada), unicamente per il loro valore estetico. I poster in genere raffigurano paesaggiattorimusicistipin-up o altri personaggi famosi, locandine di film, riproduzioni di dipinti, eccetera.

In pubblicità

 Anno 1938, California, Statale 99: automobilisti accampati per la notte al riparo di un poster stradale. La pubblicità dice: “La prossima volta prova il treno – Viaggia mentre dormi” (fotografia di Dorothea Lange).

I poster sono grandi manifesti rettangolari e orizzontali (quindi il lato lungo rappresenta la base e il lato corto l’altezza). Vengono affissi solitamente in ambiente esterno, in luoghi pubblici prestabiliti. Il classico formato è 6×2,8m o anche detto “12 fogli” in quanto composto da dodici fogli, ciascuno di dimensioni 1×1,4m.

esempio di cartelloni pubblicitari moderni

Caratteristiche

Le caratteristiche principali dei poster (che poi sono, in linea di massima, le stesse del manifesto) sono le seguenti:

Vantaggi

  • Grande impatto visivo.
  • Avere una sorta di monopolio (assieme al manifesto) per quanto riguarda la pubblicità esterna.
  • Possibilità di essere posizionati in maniera strategica (ad esempio in prossimità di un punto vendita o comunque in aree ben precise).
  • Possibilità di essere visto da molte persone e per molte volte.
  • Sforzo minimo da parte dei destinatari (che non devono, ad esempio, sintonizzarsi su una rete o acquistare un giornale come invece accade per altri media).

Svantaggi

  • Estrema sinteticità (di solito i poster sono messi in luoghi di passaggio, ad esempio lungo una strada, dove i tempi a disposizione per la lettura sono minimi – ma non necessariamente: basti pensare ai poster alle fermate della metropolitana).
  • Impossibilità di essere diretti in maniera selettiva verso uno specifico destinatario (a differenza di altri media è molto più difficile prevedere chi vedrà un poster).
  • Eventuale immagine negativa del medium che può riverberarsi sulla pubblicità (talvolta la cartellonistica ambientale è stata ritenuta deturpante per il paesaggio e distraente per chi guida un veicolo).

Tipi

Un motivational poster: “Il coraggio,è contagioso

Poster motivazionali: tipo di poster comunemente disegnato per essere usato in scuole e uffici. Lo scopo è quello di far vedere alle persone le cose che si fanno o che si imparano con un’ottica diversa. Dei “poster motivazionali” fanno parte anche i demotivational posters, che si costruiscono nello stesso modo dei poster motivazionali però contengono battute satiriche.

Poster multifunzione

Vi sono tipi di poster che possono essere utilizzati per funzioni alternative ai soli fini commerciali. Una struttura di insegne pubblicitarie può venire utilizzata anche per ospitare illuminazione pubblica e perfino stazioni radio base per telecomunicazioni. Solitamente la struttura portante è costituita da un palo in acciaio con flangia di accoppiamento alla struttura sovrastante di sostegno delle insegne pubblicitarie che possono contenere le antenne per telecomunicazione. I cavi di alimentazione dei corpi illuminanti e delle eventuali antenne sono interni alla struttura e fissati su apposite tesate in fune d’acciaio. Questo tipo di struttura coniuga più funzioni, evitando la costruzione di pali per telecomunicazioni che possono deturpare il paesaggio urbano…


gigantografia forli

Dirsgrafik

Taglio laser Forli | Lamiera inox da 6mm “BRACCIALI LOVE”

Taglio laser Forli

Taglio laser Forli | Lamiera inox da 6mm “BRACCIALI LOVE”

 

Love1


Love2


Bracciale Love4

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Acciao Inox 304 (Antiallergico): lucidato, brunito o satinato ?

L’ idea, la personalizzazuione ne fa la differenza,

con RSgrafik puoi disegnare e produrre ciò che vuoi.


CONTATTACI

grafica cesena


Lavorazione con fascio laser

Le lavorazioni con fascio laser (anche indicate con l’acronimo LBM, dall’ inglese Laser Beam Machining) sono dei processi termici che usano un raggio laser come fonte di calore, poiché esso può essere facilmente concentrato con delle lenti raggiungendo densità di potenza superiore a 1 MWmm2. Nel momento in cui il laser interagisce con il materiale, l’energia dei fotoni viene assorbita dal materiale in lavorazione provocando localmente un rapido aumento di temperatura, che porta a fusione o ebollizione asportando il materiale senza contatto meccanico per espulsione del materiale fuso, vaporizzazione o meccanismi ablazione. A differenza dei processi convenzionali non si ha usura e la rimozione del materiale non dipende dalla sua durezza, ma dalle proprietà ottiche del laser e le proprietà ottiche e termofisiche del materiale. Risulta per questo particolarmente indicato per lavorare leghe ad alta resistenza termica, carburicompositi fibro-rinforzaticeramici e stelliti. taglio laser forli

Processo

Immagine di un fascio laser che incide il pezzo in lavorazione

Schema di una lavorazione con fascio laser a stato solido. 1. Pezzo 2. Materiale vaporizzato e fuso espulso 3. Fascio laser 4. Lente 5. Semispecchio 6. Mezzo ottico attivo (rubino) 7. Involucro riflettente 8. Lampada flash 9. Specchio 10. Elettrodo di innesco 11. Interruttore circuito taglio laser forli

La fisica delle lavorazioni laser è alquanto complessa, soprattutto a causa della riflessione e diffusione sulla superficie del pezzo. Comunque si può dire che l’asportazione attraverso laser si verifica quando la densità di potenza del raggio è maggiore delle perdite per conduzioneconvezione e irraggiamento, allo stesso tempo raggi laser dall’intensità troppo alta vanno evitati poiché tendono a generare un pennacchio di plasma che riduce l’efficienza del processo.

Si usano sia laser a stato solido che laser a gas, ad emissione continua o ad impulsi. Quelli tipicamente usati nella lavorazione dei metalli sono riportati in tabella.

Diversi tipi di laser usati per LBM
tipo mezzo lunghezza
d’onda
[nm]
Caratteristiche
tipiche
Applicazioni tecnologiche
tipiche
Stato solido Rubino 694 a impulsi, 5 W foratura diretta (diametri 0,25÷1,5 mm)
punzonatura e foratura a percussione;
per metalli
Nd-YAG 1064 a impulsi o continuo, 1÷800 W foratura diretta (diametri 0,25÷1,5 mm),
trapanatura di fori larghi, punzonatura e
foratura a percussione, taglio di metalli sottili;
per metalli e ceramici
Nd-Vetro 1064 a impulsi o continuo, 2 mW foratura diretta (diametri 0,25÷1,5 mm);
per metalli
Gas CO2 10 600 a impulsi o continuo, < 15 kW larghi fori, taglio di plastiche;
su non metalli, ceramici, materiali organici
e plastiche

Processo

Fissata la lunghezza d’onda, maggiore è la riflettività di un materiale, minore è il tasso di rimozione. Diversi metalli riflettono il 90% della radiazione incidente a basse densità di potenza, quindi conviene precedentemente trattarne la superficie per ridurne la riflettività e aumenterne la lavorabilità. Le plastiche richiedono minori energie per vaporizzare anche perché hanno bassi valori di conduttività termica per questo assorbono facilemete la radiazione di un laser a CO2 con lunghezza d’onda di 10,6 µm con cui fondono facilmente a basse potenze. Quindi per lavorare i metalli alla stessa velocità delle plastiche è necessario usare maggior potenza. Per migliorare la lavorazione dei metalli si usano laser assistiti da gas, poiché si genera una torcia che liquefa e ossida il metallo, inoltre il flusso di gas rimuove l’ossido e il processo si ripete.

Tassi di rimozione all’unità di spessore con laser a CO2 per vari materiali.

Applicazioni

a. Foratura laser a singolo impulso b. Foratura laser a percussione

Un piccolo impulso laser ad alta intensità introduce fa fondere e evaporare il materiale. Più alta è l’energia maggiore è la quantità di metallo fuso ed evaporato. L’evaporazione improvvisa spinge il metallo fuso fuori dal foro, taglio laser forli.Spingendo al limite tale processo con impulsi nell’ordine del picosecondo, il materiale sublima e il pezzo non si riscalda. Sono state sviluppate tre tecniche di foratura.

Foratura diretta: a impulso singolo e a percussione

 Trapanatura laser

Nella foratura a impulso singolo, come dice il nome, si usa un singolo impulso laser ad alta energia in modo da praticare molti fori in breve tempo. Nella foratura a percussione il foro viene prodotto con un treno di impulsi laser di breve durata e bassa energia, in modo da ottenere fori più profondi, precisi e piccoli rispetto al metodo con impulso singolo.

Trapanatura

Anche con la trapanatura si esegue il foro con diversi impulsi, procedendo prima nell’eseguire un foro guida iniziale tramite foratura a percussione, poi lo si allarga, partendo dal centro, eseguendo orbite circolari sempre più larghe. Il metallo fuso è rimosso spinto verso il basso e quindi fuoriesce dal foro.

Foratura elicoidale

 Foratura laser elicoidale

La foratura elicoidale si differenzia dalla trapanatura per il fatto che non si esegue il foro guida. Il treno di impulsi esegue delle orbite circolari e man mano avanza in profondità seguendo il moto di un’elica. La maggior parte del materiale fuso è espulso verso l’alto, il processo continua finché il foro non sbuca sull’altra faccia, a quel punto si eseguono ancora alcuni giri per allargare il foro e rifinirne i bordi. Produce come scarto la parte di metallo tagliata via dal foro. È una tecnica indicata per eseguire fori molto larghi e profondi di elevata qualità.

Capacità di processo

caratteristica del foro intervallo
diametro 5 µm ÷ 1,27 mm
anche di più in trapanatura
altezza 1,7 mm
angolo 15° ÷ 90°
rastremazione 5 ÷ 20 % del diametro
aspetto (altezza/diametro) 50:1
altezza trapanata 6,4 mm
tolleranza ± 5 ÷ 20 % del diametro
minimo raggio di bordo 0,25 mm

Pro e Contro

Pro

Non si ha usura e rottura dell’utensile. I fori possono essere posizionati con precisione utilizzando un sistema ottico di allineamento. Si possono produrre fori piccoli e molto profondi (grande rapporto di aspetto). Si possono lavorare materiali duri. La lavorazione è estremamente rapida ed i tempi di setup sono economici. Si possono eseguire fori con angoli di ingresso difficili (10° rispetto alla superficie). Grazie alla sua flessibilità, il processo può essere automatizzato facilmente ad esempio in operazioni di foratura al volo su materiali sottili che richiedono un solo colpo per realizzare il foro. Il costo di gestione è basso.

Contro

Il costo delle apparecchiature è alto. In genere nella foratura diretta si ottengono fori rastremati, inoltre risulta difficile ottenere un foro cieco della profondità precisa. Lo spessore del materiale che può essere perforato con il laser è limitato a 50 mm. In genere si formano bave sul lato di uscita del foro che vanno rimosse.


taglio laser forli

Dirsgrafik

Taglio laser Ravenna – Lamiera inox da 6mm “MAMMA SARA”

Taglio laser Ravenna

Taglio laser Ravenna – Lamiera inox da 6mm “MAMMA SARA”

 

Taglio laser Ravenna


 

Acciao Inox trattato: lucidato, brunito o satinato ?

L’ idea, la personalizzazuione ne fa la differenza, con RSgrafik puoi disegnare e produrre ciò che vuoi.

 

CONTATTACI

 

Lavorazione con fascio laser

Le lavorazioni con fascio laser (anche indicate con l’acronimo LBM, dall’ inglese Laser Beam Machining) sono dei processi termici che usano un raggio laser come fonte di calore, poiché esso può essere facilmente concentrato con delle lenti raggiungendo densità di potenza superiore a 1 MWmm2. Nel momento in cui il laser interagisce con il materiale, l’energia dei fotoni viene assorbita dal materiale in lavorazione provocando localmente un rapido aumento di temperatura, che porta a fusione o ebollizione asportando il materiale senza contatto meccanico per espulsione del materiale fuso, vaporizzazione o meccanismi ablazione. A differenza dei processi convenzionali non si ha usura e la rimozione del materiale non dipende dalla sua durezza, ma dalle proprietà ottiche del laser e le proprietà ottiche e termofisiche del materiale. Risulta per questo particolarmente indicato per lavorare leghe ad alta resistenza termica, carburicompositi fibro-rinforzaticeramici e stelliti. taglio laser ravenna

Processo

Immagine di un fascio laser che incide il pezzo in lavorazione

Schema di una lavorazione con fascio laser a stato solido. 1. Pezzo 2. Materiale vaporizzato e fuso espulso 3. Fascio laser 4. Lente 5. Semispecchio 6. Mezzo ottico attivo (rubino) 7. Involucro riflettente 8. Lampada flash 9. Specchio 10. Elettrodo di innesco 11. Interruttore circuito taglio laser ravenna

La fisica delle lavorazioni laser è alquanto complessa, soprattutto a causa della riflessione e diffusione sulla superficie del pezzo. Comunque si può dire che l’asportazione attraverso laser si verifica quando la densità di potenza del raggio è maggiore delle perdite per conduzioneconvezione e irraggiamento, allo stesso tempo raggi laser dall’intensità troppo alta vanno evitati poiché tendono a generare un pennacchio di plasma che riduce l’efficienza del processo.

Si usano sia laser a stato solido che laser a gas, ad emissione continua o ad impulsi. Quelli tipicamente usati nella lavorazione dei metalli sono riportati in tabella.

Diversi tipi di laser usati per LBM
tipo mezzo lunghezza
d’onda
[nm]
Caratteristiche
tipiche
Applicazioni tecnologiche
tipiche
Stato solido Rubino 694 a impulsi, 5 W foratura diretta (diametri 0,25÷1,5 mm)
punzonatura e foratura a percussione;
per metalli
Nd-YAG 1064 a impulsi o continuo, 1÷800 W foratura diretta (diametri 0,25÷1,5 mm),
trapanatura di fori larghi, punzonatura e
foratura a percussione, taglio di metalli sottili;
per metalli e ceramici
Nd-Vetro 1064 a impulsi o continuo, 2 mW foratura diretta (diametri 0,25÷1,5 mm);
per metalli
Gas CO2 10 600 a impulsi o continuo, < 15 kW larghi fori, taglio di plastiche;
su non metalli, ceramici, materiali organici
e plastiche

Processo

Fissata la lunghezza d’onda, maggiore è la riflettività di un materiale, minore è il tasso di rimozione. Diversi metalli riflettono il 90% della radiazione incidente a basse densità di potenza, quindi conviene precedentemente trattarne la superficie per ridurne la riflettività e aumenterne la lavorabilità. Le plastiche richiedono minori energie per vaporizzare anche perché hanno bassi valori di conduttività termica per questo assorbono facilemete la radiazione di un laser a CO2 con lunghezza d’onda di 10,6 µm con cui fondono facilmente a basse potenze. Quindi per lavorare i metalli alla stessa velocità delle plastiche è necessario usare maggior potenza. Per migliorare la lavorazione dei metalli si usano laser assistiti da gas, poiché si genera una torcia che liquefa e ossida il metallo, inoltre il flusso di gas rimuove l’ossido e il processo si ripete.

Tassi di rimozione all’unità di spessore con laser a CO2 per vari materiali.

Applicazioni

a. Foratura laser a singolo impulso b. Foratura laser a percussione

Un piccolo impulso laser ad alta intensità introduce fa fondere e evaporare il materiale. Più alta è l’energia maggiore è la quantità di metallo fuso ed evaporato. L’evaporazione improvvisa spinge il metallo fuso fuori dal foro, taglio laser forli.Spingendo al limite tale processo con impulsi nell’ordine del picosecondo, il materiale sublima e il pezzo non si riscalda. Sono state sviluppate tre tecniche di foratura.

Foratura diretta: a impulso singolo e a percussione

 Trapanatura laser

Nella foratura a impulso singolo, come dice il nome, si usa un singolo impulso laser ad alta energia in modo da praticare molti fori in breve tempo. Nella foratura a percussione il foro viene prodotto con un treno di impulsi laser di breve durata e bassa energia, in modo da ottenere fori più profondi, precisi e piccoli rispetto al metodo con impulso singolo.

Trapanatura

Anche con la trapanatura si esegue il foro con diversi impulsi, procedendo prima nell’eseguire un foro guida iniziale tramite foratura a percussione, poi lo si allarga, partendo dal centro, eseguendo orbite circolari sempre più larghe. Il metallo fuso è rimosso spinto verso il basso e quindi fuoriesce dal foro.

Foratura elicoidale

 Foratura laser elicoidale

La foratura elicoidale si differenzia dalla trapanatura per il fatto che non si esegue il foro guida. Il treno di impulsi esegue delle orbite circolari e man mano avanza in profondità seguendo il moto di un’elica. La maggior parte del materiale fuso è espulso verso l’alto, il processo continua finché il foro non sbuca sull’altra faccia, a quel punto si eseguono ancora alcuni giri per allargare il foro e rifinirne i bordi. Produce come scarto la parte di metallo tagliata via dal foro. È una tecnica indicata per eseguire fori molto larghi e profondi di elevata qualità. Taglio laser ravenna

Capacità di processo

caratteristica del foro intervallo
diametro 5 µm ÷ 1,27 mm
anche di più in trapanatura
altezza 1,7 mm
angolo 15° ÷ 90°
rastremazione 5 ÷ 20 % del diametro
aspetto (altezza/diametro) 50:1
altezza trapanata 6,4 mm
tolleranza ± 5 ÷ 20 % del diametro
minimo raggio di bordo 0,25 mm

Pro e Contro

Pro

Non si ha usura e rottura dell’utensile. I fori possono essere posizionati con precisione utilizzando un sistema ottico di allineamento. Si possono produrre fori piccoli e molto profondi (grande rapporto di aspetto). Si possono lavorare materiali duri. La lavorazione è estremamente rapida ed i tempi di setup sono economici. Si possono eseguire fori con angoli di ingresso difficili (10° rispetto alla superficie). Grazie alla sua flessibilità, il processo può essere automatizzato facilmente ad esempio in operazioni di foratura al volo su materiali sottili che richiedono un solo colpo per realizzare il foro. Il costo di gestione è basso.

Contro

Il costo delle apparecchiature è alto. In genere nella foratura diretta si ottengono fori rastremati, inoltre risulta difficile ottenere un foro cieco della profondità precisa. Lo spessore del materiale che può essere perforato con il laser è limitato a 50 mm. In genere si formano bave sul lato di uscita del foro che vanno rimosse.

taglio laser ravenna

Facebook
Facebook
Instagram

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi